Disposizioni anticipate di trattamento: cosa fare?

In data 31 gennaio 2018 è entrata in vigore la legge 22 dicembre 2017 n. 219 avente ad oggetto: “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”.

L’art. 4 della predetta legge prevede che ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di  volere,  in previsione di un'eventuale futura incapacità di autodeterminarsi  e dopo avere acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, può,  attraverso le DAT,  esprimere  le  proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche  e a singoli trattamenti sanitari. Indica altresì una persona di sua fiducia, denominata «fiduciario», che ne faccia le veci e la rappresenti nelle relazioni con il medico e con  le  strutture sanitarie.

Il fiduciario deve essere maggiorenne e capace di intendere e di volere. L'accettazione della nomina da parte del fiduciario avviene attraverso la sottoscrizione delle DAT o con atto successivo, che è allegato alle DAT. Al fiduciario viene rilasciata una copia delle DAT.

Le DAT devono essere redatte per atto pubblico o  per scrittura privata autenticata ovvero per scrittura privata consegnata personalmente dal disponente presso l'ufficio dello stato civile del comune di residenza del disponente medesimo. Sono esenti dall'obbligo di registrazione, dall'imposta di bollo e da qualsiasi altro tributo, imposta, diritto e tassa.

L’ufficio dello stato civile è legittimato a ricevere esclusivamente le DAT consegnate personalmente dal disponente residente nel Comune, recanti la sua firma autografa.

L’ufficiale dello stato civile non partecipa alla redazione della disposizione né fornisce informazioni o avvisi in merito al contenuto della stessa.

All’atto della consegna l’ufficiale dello stato civile fornisce al disponente formale ricevuta, con l’indicazione dei dati anagrafici dello stesso, data, firma e timbro dell’ufficio.

 

Le DAT devono essere consegnate personalmente dal disponente presso:

Ufficio Anagrafe di Monteprandone – Via Limbo n. 1 - Tel. n. 0735 710934

Mattino: Lunedì – Mercoledì – Venerdì dalle ore 11,30 alle ore 13,30

Delegazione di Centobuchi – via delle Magnolie n. 1 – Tel. n. 0735 710827

Mattino: dal lunedì al venerdì dalle ore 09,30 alle ore 13,00

Pomeriggio: martedì e giovedì dalle ore 16 alle ore 17,30

 

Condividi!