Festa della Donna 2019, le iniziative in programma a Monteprandone

Otto marzo, Festa della Donna, nel giorno in cui si celebrano valore e potenzialità delle donne, il Comune di Monteprandone organizza alcune iniziative volte a sensibilizzare la cittadinanza sui temi che più stanno a cuore alle donne.

Gli appuntamenti sono stati presentati in conferenza stampa dall'assessore all'integrazione sociale Stefania Grelli e dal consigliere con delega alle Pari opportunità Ilaria Cameli per il Comune di Monteprandone, dalla psicologa Alessandra Norcini e dall'assistente sociale Diletta Baldassarri per COOSS Marche e  da Tonino Simonetti direttore artistico  dell'associazione Progettoteatro.

Si parte giovedì 7 marzo con uno spettacolo al Centro Pacetti di Monteprandone che racconta il ruolo della donna nel XVIII secolo, attraverso brani tratti da opere e romanze di autori del 1700 come Gioacchino Rossini, Giovan Battista Pergolesi, Wolfgang Amadeus Mozart.

L’evento organizzato, per il decimo anno dall’associazione Progettoteatro di Tonino Simonetti, quest’anno vede la collaborazione dell’associazione Le plaisir danze storiche, con il patrocinio dell’Unione italiana libero teatro, e la partecipazione della soprano Loredana Chiappini, accompagnata da Clementina Perozzi al clavicembalo. L’ingresso è gratuito, lo spettacolo avrà inizio alle ore 21:15.

Venerdì 8 marzo, invece, aprirà lo Spazio Ascolto Donne. Si tratta di un servizio gratuito rivolto alle donne per rispondere alle loro esigenze e dar voce alle fragilità. Offre ascolto ed accoglienza alle donne in difficoltà tramite servizi di consulenza legale e psicologica.

Obiettivo del servizio è anche di creare un luogo di ascolto empatico, di consulenza e sostegno in cui accogliere richieste d’aiuto, di supporto, di orientamento, di informazione. Vuole essere un’opportunità per le donne ma anche un supporto per i servizi territoriali competenti: consultorio familiare, servizi sociali, istituti scolastici.

I servizi offerti sono volti a sostenere situazioni di disagio personale, familiare e relazionale; donne vittime di violenza psicologica, fisica, economica e sociale; donne vittime di stalking; la genitorialità, anche per coppie in via di separazione; favorire l’orientamento dell’utenza verso i servizi territoriali; costituire una rete di rapporti con i rappresentanti delle Istituzioni che operano sul territorio (Forze dell’Ordine, Pronto Soccorso, medici, psicologi).

Lo Spazio propone interventi di consulenza psicologica individuale, familiare, di coppia, consulenza legale e assistenza sociale con l’aiuto di figure professionali appunto una psicologa, una assistente sociale e una avvocato che offriranno anche informazioni sulle tematiche della violenza e le relazioni violente e promuoveranno incontri di sensibilizzazione e informazione sul benessere e la salute femminili, il ruolo della donna, le pari opportunità, la violenza di genere rivolti a tutta la cittadinanza.

Lo Spazio Ascolto Donne sarà ospitato al piano terra della Delegazione Comunale, in via delle Magnolie n. 1 a Centobuchi e sarà aperto quattro giorni a settimana, nei seguenti giorni e orari:
Lunedì e giovedì, dalle 8 alle 10
Assistente sociale dott.ssa Diletta Baldassarri
Mercoledì, dalle 15.30 alle 18.30 e Venerdì, dalle 14.30 alle 17.30
Psicologa dott.ssa Alessandra Norcini
Consulenza legale, su appuntamento
Avvocato dott.ssa Cristiana Orsini

A completamento del servizio, è stata anche istituita una linea telefonica di aiuto per le donne e le loro famiglie a cui rispondono le operatrici della cooperativa durante l’orario di apertura dello sportello al numero 3386106391. Negli altri orari è possibile lasciare un messaggio alla segreteria telefonica, inviare un SMS, utilizzare la chat di WhatsApp e si verrà ricontattate.

Il servizio sarà gestito per cinque anni dalla cooperativa COOSS Marche e rientra nei progetti sociali finanziati attraverso il “Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate” per il quale il Comune di Monteprandone ha ottenuto un contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri a fondo perduto di 1.900.000 euro. Il costo complessivo del servizio è di €.50.496,17.

Condividi!