Art Bonus

Art Bonus

Dal 2014, lo Stato italiano ha introdotto un credito d'imposta per le erogazioni liberali in denaro a sostegno della cultura e dello spettacolo, meglio noto come Art Bonus.
Chi decide di effettuare erogazioni liberali in denaro per il sostegno della cultura, secondo le regole previste dalla legge, gode di benefici fiscali sotto forma di credito di imposta.
Le erogazioni liberali effettuate in denaro che danno diritto al credito di imposta devono essere riferiti ad interventi di:

  • manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici;
  • sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura di appartenenza pubblica (es. musei, biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici, complessi monumentali), delle fondazioni lirico-sinfoniche, dei teatri di tradizione, delle istituzioni concertistico-orchestrali, dei teatri nazionali, dei teatri di rilevante interesse culturale, dei festival, delle imprese e dei centri di produzione teatrale e di danza, nonché dei circuiti di distribuzione;
  • realizzazione di nuove strutture, restauro e potenziamento di quelle esistenti, di enti o istituzioni pubbliche che, senza scopo di lucro, svolgono esclusivamente attività nello spettacolo.

I progetti finanziabili

Per il Comune di Monteprandone sono tre le progettualità finanziabili:

- Biblioteca GiovArti https://artbonus.gov.it/116-22-giovarti.html
Costo complessivo interventi 163.000 €

- Chiesa Santa Maria delle Grazie https://artbonus.gov.it/chiesa-santa-maria-delle-grazie.html
Costo complessivo interventi 200.000 €

- Museo Libreria dei Codici San Giacomo della Marca https://artbonus.gov.it/116-19-museo-libreria-dei-codici-di-san-giacomo-della-marca.html
Costo complessivo interventi 100.040 €

Come donare

Le erogazioni liberali effettuate nell’ambito dell’Art Bonus devono essere effettuate avvalendosi esclusivamente tramite bonifico bancario intestato a:

Beneficiario Comune di Monteprandone
IBAN IT20X0847469571000000001815
CAUSALE Art Bonus - Comune di Monteprandone – Nome del Progetto - Codice fiscale o P. Iva del mecenate - Nome Intervento (opzionale)

E’ importante che il beneficiario conservi la ricevuta con l’indicazione della causale e che comunichi gli estremi del versamento (operazione che può essere effettuata solo dopo che il Comune di Monteprandone avrà registrato la donazione sul sito dell'Art bonus) attraverso la compilazione on line di un’autodichiarazione (link: http://artbonus.gov.it/art-bonus-e-i-suoi-mecenati.html) con i dati dell’erogazione.
Sottoscrivendo una liberatoria, messa a disposizione dal Comune di Monteprandone, sarà anche possibile consentire la pubblicazione del proprio nome nella pagina di ringraziamento ai mecenati (link: http://artbonus.gov.it/i-mecenati.html).

Come funziona

Il credito d'imposta è riconosciuto a tutti i soggetti che effettuano le erogazioni liberali a sostegno della cultura e dello spettacolo previste dalla norma, indipendentemente dalla natura e dalla forma giuridica.
Il credito d'imposta ammonta al 65% dell’erogazione liberale da ripartire in 3 quote annuali di pari importo.
Per le persone fisiche e gli enti non commerciali è previsto un limite del 15 % del reddito imponibile, per i titolari di reddito d'impresa il limite è fissato nel 5 per mille dei ricavi utilizzabile in compensazione dei versamenti dal periodo d'imposta successivo.
I soggetti che effettuano le erogazioni (persone fisiche o titolari di reddito di impresa) vengono definiti MECENATI e coloro che beneficiano delle loro somme sono tenuti ad aggiornare continuamente l’elenco di quanto ricevuto e la relativa destinazione sul sito ufficiale dell’Art Bonus.

Normativa di riferimento

Decreto Legge n. 83 del 31 maggio 2014 “Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo”, convertito con modificazioni in Legge n. 106 del 29 luglio 2014 e s.m.i.
Legge Art bonus (link: http://artbonus.gov.it/la-normativa.html)